Bicocca Tips | 3 spunti se hai 20 anni e sei in crisi

Hai 20 anni e ti senti in crisi? Ecco per te una serie TV, un libro e un album per trovare un po' di conforto


Si sa: crescere non è mai facile. Diventare grandi è un’esperienza eccitante e ricca di sorprese, ma porta con sé anche dubbi e incertezze, a volte così potenti da far sembrare qualunque decisione impossibile.

A 20 anni in particolare ci si trova in uno strano limbo: da una parte, non siamo più gli adolescenti spensierati e irresponsabili di una volta; dall’altra, il mondo degli adulti rimane oscuro e sembra non accettarci del tutto. Dobbiamo capire cosa farne del nostro futuro e scontrarci con la burocrazia, il precariato e tutti i drammi del nostro sviluppo personale. E, diciamocelo, né le istituzioni né gli “anziani” intorno a noi fanno granché per rassicurarci. Ma là dove parenti e ministri falliscono, arrivano i creativi a proporci opere in cui possiamo rispecchiarci e trovare- se non una soluzione- per lo meno un po’ di conforto. Quindi ecco una serie TV, un libro e un album su cui puoi buttarti se sei un ventenne perso e vuoi sentirti un po’ meno solo in questo viaggio.

  1. 1 L'ironia del disastro di "Crashing"


    Spiritoso, irriverente e senza alcun freno…Insomma, proprio un prodotto firmato Phoebe Waller-Bridge. La miniserie britannica Crashing segue un bizzarro gruppo di ventenni che, in cambio di un affitto ridotto, accetta di vivere in un malmesso ex-ospedale in qualità di guardiani. Nel corso delle puntate seguiamo i sei personaggi in un intreccio di relazioni complicate, malintesi e imprevisti (un po’ come una sitcom, ma brutalmente più schietta e senza bisogno delle risate finte). Nell’esagerazione delle situazioni possiamo rivedere una serie di piccole imprese che affrontiamo anche noi ogni giorno, come i problemi di convivenza, le crisi amorose e l’instabilità economica, il tutto condito da un delizioso umorismo dark.

    La serie è disponibile su Netflix ed è composta da sei episodi per un totale di sole due ore, quindi è perfetta per occupare un pomeriggio morto e farsi due risate davanti alle sventure della vita giovanile.

  2. 2 "Il giovane Holden" e il diritto di sentirsi senza meta


    Hai presente quando la prozia a Natale ti chiede insistentemente cosa vuoi fare nella vita e tu vorresti solo sotterrarti nel panettone? Ecco, è un po’ la stessa sensazione di soffocamento che prova Holden Caulfield in questo cult del 1951 scritto da J.D Salinger.

    Il protagonista, espulso dall’ennesima scuola, sceglie di fuggire e vagabondare per New York e finisce per imbattersi in diverse situazioni più o meno sfortunate. Il suo gesto può sembrare immaturo, ma rispecchia anche la voglia di liberarsi dalle aspettative altrui e il disagio del non sentirsi parte di nessun luogo. È vero che intorno ai 20 anni si inizia a progettare seriamente il proprio futuro, ma bisogna anche ricordare che è lecito sentirsi persi e rifiutare i piani predefiniti. Essere giovani è anche prendere strade non convenzionali o addirittura scegliere di fare una pausa e fermarsi a godersi il paesaggio.

  3. 3 "Inside": viaggio in una psiche intrappolata


    Il nuovo speciale di Bo Burnham Inside, uscito su Netflix lo scorso 30 maggio, è una montagna russa di emozioni in cui il comico, rinchiuso in casa a causa della pandemia di Covid-19, ci racconta di temi attuali come l’impatto di internet sulle nostre vite, le ipocrisie del mondo e i problemi di ansia e depressione. Tutto ciò lo fa quasi esclusivamente attraverso la musica, regalandoci così venti tracce cariche di estro e di ironia, ma anche sorprendentemente profonde e sincere.
    Bo non solo non può uscire dalla propria casa, ma sembra non riuscire nemmeno a uscire da se stesso e ciò lo costringe a combattere con la bassa autostima, i pensieri ossessivi e un tagliente senso di vuoto.
    Quando si ha 20 anni è facile sentirsi in questo modo e ascoltando Inside possiamo capire di non essere soli nelle nostre battaglie, ma anche avere un punto di partenza per trovare la forza per uscir(n)e e andare avanti.

    Qui il link Spotify

    Che si tratti dell’iperbole del disastro di Crashing, della ribellione giovanile di Il giovane Holden o del lato morboso dei nostri pensieri ritratto in Inside, l’importante per i giovani è sentirsi rappresentati e compresi meglio di quanto la società di solito faccia. Per il resto, ricordiamoci di affrontare i 20 anni con coraggio e curiosità, divertendoci e arricchendoci il più possibile e non preoccupiamoci troppo di quella sensazione oscura perché in fondo, come ci canta proprio Bo Burnham, “it'll stop any day now”.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
0
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
3
Love
fun fun
0
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
0
hate
omg omg
0
omg

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format
Send this to a friend