La Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne


Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Prima di tutto è necessario fare un disclaimer, ovviamente, la violenza è orribile e ingiustificabile verso qualsiasi forma di essere vivente, ma proprio oggi si ricorda e si rinnova l’importanza della lotta contro la violenza di genere.

La Storia della Ricorrenza

Storicamente questa data è stata scelta perché il 25 novembre del 1960 furono assassinate le tre sorelle Mirabal, attiviste contro il regime domenicano dell’epoca. Le donne furono uccise brutalmente dopo esser state stuprate e torturate. È nel dicembre del 1999 che le Nazioni Unite ufficializzarono questa ricorrenza e, da quel momento, in questo giorno si cerca di promuovere attività che sensibilizzino sull’argomento, purtroppo ancora troppo attuale e presente nella società odierna.

I Dati

Per capire la capillarità del fenomeno basta dare un’occhiata ai dati rilevati dall’ISTAT sugli omicidi di genere, ma anche durante la pandemia o leggere i titoli dei quotidiani. Un’indagine sui primi sei mesi del 2020 attesta che sono calati gli omicidi ma rispetto agli anni passati sono aumentati i femminicidi, toccando ad agosto 2020 la quota di 59 donne uccise, passando da un tasso del 35% del 2019 a quello del 45% dell’attuale anno. 

La Violenza di Genere

La violenza di genere non viene perpetrata “solo” tramite l’uccisione della vittima, ci sono tante forme di violenza più o meno visibili. Purtroppo si tratta di un fenomeno trasversale a tutte le età, etnie e fasce sociali. É bene sottolinearlo: la violenza psicologica è violenza, così come lo stalking, l’obbligo al matrimonio non consensuale, lo stupro o qualsiasi tipo di violenza sessuale, la limitazione della libertà dell’individuo contro la sua volontà. La violenza di genere può esser attuata da persone conosciute o sconosciute, partner o ex, familiari o meno verso una donna in quanto tale.

Dal Profilo Instagram – @psycool.it

Per esser più precisi, nella Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (ossia la Convenzione di Istanbul – la quale in Italia è stata convertita in legge dal Senato, all’unanimità, nel 2013), approvata dal Comitato Ministri del Consiglio d’Europa nel 2011 in Turchia, si definisce come violenza di genere:

la violenza contro le donne è violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione nei confronti delle donne e si intendono tutti gli atti di violazione di genere che determinano o sono suscettibili di provocare danno fisico, sessuale, psicologico o economico o una sofferenza alle donne, comprese le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica o privata.”

Art. 3 della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica

Se tu che stai leggendo hai subito un sopruso, oggi, anni fa, o il mese scorso: non vergognarti. Non è colpa tua. La violenza è violenza. Non c’è un motivo valido per alzare le mani contro la persona che si dice di “amare”. Questo non è amore. Non ci sono ragioni per molestare, ricattare, sminuire e indebolire una persona a cui si “vuole bene”. Questo non è bene, non è amore. Certo si può litigare in una relazione, è normale discutere ma tra amore e violenza c’è differenza. Nella violenza c’è disparità, o meglio non-parità, sopruso, prevaricazione.

Se hai paura di chi ti sta affianco non è amore.

L’importanza della divulgazione

Per questo è importante fare divulgazione: per diffondere più consapevolezza nelle donne vittime di violenza, per aiutare più persone possibili a uscire da un circolo vizioso di cattiveria, solitudine e tristezza. Ad oggi il numero 1522 (la help line per violenza e stalking) per dare ascolto e una mano alle donne è attivo 24 ore su 24 e in Italia sono presenti su tutto il territorio nazionale dei Centri Antiviolenza per supportare le donne.

La disparità tra i generi non è visibile solo tramite i dati che dimostrano la presenza della violenza contro il genere femminile, vi sono certamente altre variabili che andrebbero prese in considerazione (ad esempio: la condizione lavorativa e salariale). Sull’argomento sono stati scritti testi di canzoni e libri ma anche girati film e serie tv. Di seguito ve ne consigliamo alcuni.

Film

Millenium – Uomini che odiano le donne (2011) [tutta la trilogia]

Serie Tv

You – Netflix (2018)

Canzoni

Mary – Gemelli Diversi (2004)

Til It Happens To You – Lady Gaga (2015)

Libri

L’amore rubato – Dacia Maraini (2012)

L’odio contro le donne non l’hanno inventato loro, l’hanno respirato a scuola, nei libri, in chiesa, nei campi sportivi… E se la loro malattia prende la forma dell’aggressione contro le donne, è una malattia che fa la spia alle idee di un’epoca.

Dacia Marini

Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
0
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
2
Love
fun fun
0
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
0
hate
omg omg
0
omg
Sara Garnieri

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format
Send this to a friend