Intervista | Edwyn Roberts: Fai rumore, il nostro invito a comunicare

Edwyn Roberts ha scritto insieme a Diodato Fai Rumore, brano vincitore del Festival di Sanremo 2020


Fai rumore

La settantesima edizione del Festival di Sanremo si è conclusa nella notte tra sabato 8 e domenica 9 febbraio con la vittoria di Diodato con la sua Fai rumore. Edwyn Roberts, co-autore del brano, ci ha raccontato la nascita della collaborazione con Diodato e l’immensa felicità di aver vinto il Festival proprio con questa canzone.

Come sono nati Fai rumore e la collaborazione con Diodato?

Io e Diodato ci siamo conosciuti più o meno due anni fa ad un camp di scrittura, ovvero settimane organizzate dalle nostre case editoriali dove tutti gli autori si trovano a scrivere insieme a coppie e poi alla fine della settimana si ascoltano i brani scritti e creati. Durante quella settimana abbiamo notato che c’era dell’alchimia musicale e anche un’affinità di gusto e quindi abbiamo iniziato a scrivere qualche canzone un po’ come per testarci, funziona così quando si scrivono canzoni insieme ad altre persone perché è un processo che non è semplice in quanto metti in gioco un po’ il tuo mondo interiore, il tuo bagaglio musicale e le tue emozioni. Quindi dopo esserci scambiati le nostre impressioni ci siamo trovati in studio l’inverno passato, quello del 2019, e la canzone è nata proprio di getto, è stato un processo creativo che non è per niente comune perché a volte le canzoni ti fanno anche impazzire, puoi scriverle e riscriverle per settimane senza darti pace. Invece probabilmente quel giorno le stelle si sono allineate, c’è stata un’energia abbastanza magica, il brano è nato praticamente subito e anche noi, increduli, ci siamo messi a ridere perché è stato tutto abbastanza incredibile. Questa situazione succede pochissime volte e credo che poi abbia in qualche modo onorato il pezzo, perchè nel brano si sente l’onestà della fase creativa, si sente che non c’è stato bisogno di rivedere o di ripetere qualcosa perché Fai rumore è arrivata molto diretta ad entrambi e l’abbiamo capita subito.

Cosa volevate comunicare con questo brano?

La frase Fai rumore è stata la prima che ci è venuta in mente, poi Antonio (n.d.r Diodato) ha scritto tutto il testo perché era molto ispirato e gasato da questo concetto che ci è sembrato molto originale e potente e, abbinato alla melodia di apertura del ritornello, ha man mano guadagnato ancora più forza. Tutto il brano è nato proprio dalla parola rumore. Fare rumore nella vita per abbattere ogni tipo di muro che si crea tra le persone, anche non voluto e non cercato perché molto spesso ci si allontana anche senza rendersene conto e quindi il brano è, appunto, un invito a fare rumore, a non tenersi le cose dentro e a comunicare.

Fai rumore ha vinto anche il premio della critica Mia Martini e il premio della sala stampa Lucio Dalla, secondo te quali sono le caratteristiche di questo brano che sono riuscite a mettere d’accordo tutti?

Mi viene difficile prendermi la responsabilità di dirti quale è stato il trucco perché suonerebbe sicuramente presuntuoso, io credo che la cosa che ripaga sempre nella vita e nell’arte sia la verità e la verità diventa bellezza, sempre.

Diodato ha dedicato la vittoria alla sua famiglia e poi anche a quella che si è creata con te e con il suo staff e alla sua città Taranto. Tu vuoi dedicarla a qualcuno in particolare?

Questa vittoria la dedico anche io alla mia città, Cremona, alla mia famiglia, alle persone che mi sostengono, che mi stanno vicine e che mi permettono di essere anche il disastro che sono a volte. La dedico a coloro che mi hanno permesso di esprimermi perchè non succede a tutti di avere delle persone che hanno la pazienza di capirti, di supportarti e di farti esprimere.

Sono passate alcune ore dall’annuncio del vincitore e state cominciando pian piano a rendervi conto della vittoria, come ti senti?

Io sono nella stessa situazione di quando si scende dalle montagne russe e si hanno ancora le gambe che tremano. È tutto bellissimo, sono molto contento per Diodato e sono anche molto contento per me, vincere Sanremo con un pezzo di questo tipo secondo me rende la vittoria ancora più gratificante perché il 2020 è un momento storico, musicale e discografico in cui è difficile dare retta alle ballad e affezionarsi a questo tipo di canzoni. Siamo in un momento storico in cui la società e le dinamiche ci impongono un po’ di nervosismo, rabbia e frenesia quindi anche nei brani si cerca di dare alla musica, a livello tecnico, dei bpm molto alti e un certo tipo di ritmo. In Italia poi si tende a volte a voler emulare gli americani, questa cosa è stata ovviamente sempre fatta nella vita in generale, però in questo caso partecipare al Festival con un brano così e con queste caratteristiche e vincerlo per me è veramente importante perché sia io che Diodato abbiamo un bagaglio musicale che non vogliamo smentire e quindi per noi aver vinto con una canzone così è magico, è il massimo.

Ringraziamo Edwyn per la disponibilità e anche per essere stato, insieme a Paolo Antonacci, uno dei relatori del nostro percorso formativo Bbetween Multimedia – Radio corso base. Di seguito alcuni link utili.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
1
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
4
Love
fun fun
0
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
0
hate
omg omg
0
omg

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format

Send this to a friend