Savage X Fenty | Rihanna: musica, moda e inclusività


Rihanna copertina di Savage X Fenty

Il 2 ottobre è stato rilasciato lo spettacolo di Rihanna sulla piattaforma di Amazon Prime in occasione della settimana della moda di New York, per presentare la sfilata del suo marchio Savage X Fenty di lingerie.

La scaletta dello spettacolo

Non si è trattato però di una semplice “sfilata” di modelle altissime e abiti sofisticati, Rihanna ha voluto fare qualcosa di diverso, non solo per adattarsi alle dinamiche della pandemia globale ma anche per portare avanti un messaggio importante dedicato alla body positive. e all’inclusività.

Innanzitutto, lo show si è svolto a porte chiuse ed è stato ripreso per poi esser riprodotto e distribuito in streaming da Amazon. Dopo l’ingresso sul palco dei primi protagonisti, tra cui la famosissima Cara Delevigne, è arrivata Rosalía, cantante di origini spagnole che ha intonato una sua hit e ballato insieme agli altri presenti sulla scena. Qui sotto potete trovare il link ufficiale della playlist dello show.

Successivamente, insieme a persone di ogni genere, si sono alternati corpi di ogni corporatura, statura e colore. Non è stato dato spazio a alcuna differenza. Rihanna ha voluto portare sul palco la libertà. Non ha aderito a nessuno standard di bellezza specifico e riduttivo, li ha esplorati e cercato di rappresentarli tutti. Ha cercato di portare la bellezza della normalità e della diversità, l’unicità nella sua veste più pura. Tra balli, canzoni e sfilate lo spettacolo è iniziato.

Dopo i primi 15 minuti di spettacolo si è vista entrare al centro della scena Rihanna che ha iniziato a scrivere su un diario e raccontare come ha ideato la collezione. Oltre all’artista sono stati intervistati altri suoi collaboratori e personaggi.

Sulla passerella però le sorprese non sono finite, successivamente infatti hanno sfilato: Bella Hadid, l’attrice Demi Moore e l’intramontabile Irina Shayk in un completo rosa shocking. Poi Lizzo ha fatto impazzire tutti gli spettatori (virtuali) indossando un intimo di un blu elettrico iper-acceso con movenze sensuali. Energia pura: è lei il simbolo della body-positive per eccellenza. Tra gli altri artisti che si sono alternati durante lo show ci sono: Ella May con Dj Mustard e Roddy Rich, Bad Bunny poi Miguel (accompagnato sul palco dalla moglie).

https://www.instagram.com/p/CF22l-9HPUq/

Verso metà spettacolo è entrata in scena Rihanna, con un coup de théâtre. Un fiore sboccia lentamente e lei ne fuoriesce, leggiadra, come per magia, indossando un set di lingerie adornato da una stola decorata con orchidee in tre dimensioni. In seguito sono salite sulla passerella: l’icona Paris Hilton (ovviamente in rosa) e la figlia di Will Smith, la “piccola” Willow (ormai diciannovenne). Tra cambi di scena, più futuristici, o naturali, o industrial e pezzi di lingerie più o meno romantici, sensuali o “fuori dalla norma” lo show culmina con l’esibizione del cantante Travis Scott (accompagnato da Young Thug).

Le idee e il messaggio di Rihanna

La rappresentazione di moda di Rihanna colpisce molto per lo spettacolo realizzato (i capi potete vederli a questo link). L’innovazione della cantante è di aver finalmente portato su una passerella di moda corpi che solitamente non vedremmo (come cercò di fare anche l’anno scorso). Ha cercato (e ci è riuscita) di spezzare i soliti schemi, tabù e stereotipi delle case di moda. La sua parola chiave è inclusività. Questa sfilata ha urlato al mondo: guardate che non esiste solo quella rappresentazione corporea.

Il mondo è bello perché è vario no? Dunque, perché presentare solo una singola sua forma e non tutte? Nel loro unico e inimitabile splendore, anche con dei difetti. Soprattutto con dei difetti, a cui ormai non siamo più abituati grazie a Photoshop e ai ritocchi vari.

La difficile questione della riappropriazione del corpo

Questa sfilata è importante per le donne. Ma anche per gli uomini e tutte le identità di genere possibili. ll genere femminile però è più frequentemente vittima di un fenomeno: l’oggettivazione sessuale. Questa è data dalla continua sessualizzazione dei corpi femminili. Perpetrata dalle rappresentazioni proposte dai mass media, dai social network e dall’ideologia che vede la donna come mero strumento per soddisfare piaceri e pensieri altrui. Si riduce a un oggetto, con specifiche funzioni, facendo una sorta di sineddoche: prendendo e dando peso solo a una sua parte, non citando il “tutto”. Questo causa nelle donne anche un’auto-oggettivazione. Di conseguenza le stesse si sentono sminuite e inadeguate se non riescono a raggiungere gli standard estetici socialmente proposti perché ritengono di non essere “mai abbastanza” (per ulteriori informazioni su questi fenomeni si consigliano letture come: Psicosociologia del Maschilismo, C. Volpato, 2013 o il seguente articolo riassuntivo).

Sembra quindi che Rihanna, portando sul palco la sua collezione di lingerie, abbia voluto dire anche che le donne si vogliono riprendere il loro corpo. Sono sexy e sfacciate sulla passerella, sanno di esser viste, ma qui sono padrone della loro fisicità. Non sono rappresentate come un mero “pezzo di carne” ma come persone intere e vive, forti nella loro presenza scenica.

In un’intervista rilasciata precedentemente riguardo alla sua sfilata-concerto ha dichiarato: Pensiamo sempre a quelle donne che non si sono mai sentite sexy nel modo in cui vuole e si aspetta la società”. Questo è ciò a cui pensa mentre crea i suoi pezzi d’abbigliamento.

Nello spettacolo, invece, emerge una citazione, di Rihanna: “Sfoggiare sessualità è diventato qualcosa di estremamente profondo per me. La sessualità bella e autentica ha molte forme diverse. Per me significa sentirmi libera di indossare ciò che voglio. Come lo voglio. Per me soltanto e per nessun altro. La sessualità è personale.”

Un altro brand di moda che cerca di portare avanti messaggi positivi è certamente Gucci, guidato dal designer Alessandro Michele (basta ricordare lo “scandalo” recente innescato dalle loro scelte di modelle “fuori dagli schemi“). Ci auspichiamo che molti più brand e singoli comunicatori, sia online che offline, in futuro prendano davvero spunto da questa ondata di inclusività.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
0
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
0
Love
fun fun
1
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
1
hate
omg omg
1
omg
Sara Garnieri

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format

Send this to a friend