Intervista | i Moca ci trascinano in un Bailamme di emozioni


I Moca

I Moca sono sei ragazzi liguri che da due anni fanno musica insieme. Dopo il loro debutto nel 2018 con i primi due brani, il 28 giugno 2019 hanno pubblicato il singolo Relazionatore, inserito da Spotify nelle playlist Indie Italia, Scuola Indie e in rotazione nella Viral 50 Italia.

Abbiamo intervistato Davide Casalini, il cantante del gruppo, dopo l’uscita del loro nuovo singolo, Bailamme, e alla vigilia del loro album d’esordio, Olpà.

Il 18 ottobre è stato pubblicato Bailamme, il vostro nuovo singolo, energico ma anche carico di emotività, in cui emerge l’intimità di una relazione d’amore. Com’è nato Bailamme?

Bailamme indica una baraonda, una confusione totale. Come hai detto, è un pezzo che parla di amore. In particolare, dell’amore all’inizio di una relazione, quando c’è un sentimento fresco e genuino. Raccontiamo delle dinamiche un po’ diverse rispetto alla canzone d’amore canonica.

Chi sono i Moca? Cosa vi spinge a fare musica e cosa vorreste comunicare?

I Moca sono un gruppo di ragazzi provenienti da La Spezia. Ognuno di noi, in passato, ha suonato in band diverse. Ad esempio, con il chitarrista e il tastierista suonavamo insieme in un altro gruppo. Infatti, prima facevo il batterista, ho iniziato a cantare due anni fa, quando è partito il progetto dei Moca. Siamo nati con il desiderio di fare un pop fresco e nuovo. Utilizziamo molte macchine, come i sintetizzatori e gli strumenti di sintesi. Vogliamo mantenere una sfumatura nostra, che ci caratterizzi.

Com’è fare musica in gruppo?

Siamo sei persone, una piccola grande famiglia. È difficile la gestione degli aspetti organizzativi, ad esempio è impegnativo spostarsi da un luogo a un altro in sei. Ma siamo uniti da un obiettivo comune e questo ci fa correre più veloce rispetto al solito. Quello che emerge è un muro di suono ben definito, ci piace e non vogliamo darci alcun limite. 

Nel 2020 pubblicherete, con La Clinica Dischi, il vostro primo album, Oplà. Come state vivendo questo momento e cosa possiamo aspettarci da Oplà?

Sì, il 2020 porterà il nostro primo album, il mio primo da cantante. Siamo veramente contenti perché abbiamo fatto un percorso molto laborioso e intenso per trovare la giusta chiave di scrittura per i brani e il giusto sound. I ragazzi de La Clinica Dischi ci hanno sostenuto durante tutto lo sviluppo del progetto. Abbiamo trascorso due anni in studio di registrazione, abbiamo scartato molti brani rispetto a quelli che saranno pubblicati. Siamo molto soddisfatti del lavoro fatto e attendiamo l’uscita del disco con molta ansia.

Siete di La Spezia. Qual è il legame con le vostre origini? Quanta Liguria c’è nella vostra musica?

Siamo fortemente legati al nostro territorio. La Liguria è una terra un po’ aspra. Da noi si dice che “abbiamo la faccia rivolta al mare e il sedere alle montagne”. Siamo in un lembo di terra stretto e difficile da vivere. Non ci sono riferimenti testuali alla Liguria, questo disco è variegato ma parla molto di quotidianità, di comunicazione e di amore.

Quali sono i vostri musicisti di riferimento? Quelli con cui siete cresciuti e che vi hanno influenzato maggiormente nel vostro percorso?

Essendo in sei, abbiamo diverse influenze musicali. Alcuni arrivano dal jazz, altri dal pop, altri hanno fatto blues o rock. Cercando di riassumere le tante influenze in pochi nomi, i Rolling Stones sono i nostri preferiti in assoluto. Per quanto riguarda gli italiani, apprezziamo Cosmo per la parte elettronica, ma anche i più grandi padri del cantautorato italiano, come De Andrè, De Gregori e Battisti. Le diverse influenze ci hanno portato ad avere il nostro sound.

Con quali artisti sognate di collaborare?

Ci piacerebbe collaborare con troppi artisti, tra i quali sicuramente gli Ex Otago, liguri come noi. Ma anche Venerus, un grande artista che stimo molto.

Qual è la canzone che avreste voluto scrivere o che vi piacerebbe reinterpretare a modo vostro?

Qualche pezzo di Battisti, magari di Anima latina, il suo disco più sperimentale. Non voglio osare, sono capolavori quasi intoccabili, però sarebbe molto bello.

Potremo vedervi in tour?

Certo! Saremo in giro per l’Italia a partire da marzo.

Ringraziamo Davide e tutta la band per la disponibilità e gli rivolgiamo un caloroso in bocca al lupo per la loro carriera!

Di seguito alcuni link utili:


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
0
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
3
Love
fun fun
1
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
0
hate
omg omg
0
omg

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format

Send this to a friend