Live Report | Ci mancava sentire i Gazebo Penguins dal vivo


Martedì 6 dicembre sono tornata al Circolo Magnolia per una serata davvero speciale. I Gazebo Penguins hanno scelto di presentare dal vivo e in anteprima le canzoni di Quanto, il loro prossimo disco in uscita il 16 dicembre per Garrincha Dischi e To Lose La Track.

Avevo già avuto occasione di vedere live la band di Correggio altre due volte: la prima, in acustico, sempre al Circolo Magnolia, mentre la seconda lo scorso settembre al Carroponte in apertura ai Ministri (vi avevo parlato del concerto qui).

In questa fredda serata invernale, con le feste natalizie alle porte, il parco del Circolo mi accoglie con una nebbia leggera, mentre in cuffia partono le canzoni proprio di Nebbia, l’ultimo lavoro in studio pubblicato dai Gazebo Penguins nel 2017.

Come sottolineato all’inizio, i Gazebo Penguins hanno scelto di presentare il loro sesto disco in anticipo in 4 live di presentazione, dove è stato possibile anche acquistare cd e vinile.
Roma, Milano, Torino e Bologna sono le città che la band ha scelto per tornare a suonare dal vivo dopo questi anni particolarmente difficili per il mondo dello spettacolo dal vivo, mettendo così al centro il momento del concerto e dell’incontro.

Uno sguardo sul futuro: il nuovo disco Quanto

Rispetto al disco Quanto, Capra&co hanno pubblicato i due singoli Nubifragio e CPR14. Il valore del tempo è centrale in questi due brani. Il primo, infatti, è un pezzo che “parla di memoria, della gestione dei ricordi, di come possa diventare una malattia continuare ad accumulare momenti, bellezza o inutilità che non possiamo trattenere, che la realtà divora impassibile, come un buco nero“.
CPR14 racconta, invece “di quest’idea paradossale di scavare un tunnel al centro della Terra, per avvicinarsi al punto – del mondo in cui viviamo – in cui la forza di gravità è più forte che mai, e trascorrere i giorni lì, dove il tempo scorre più lentamente, per riuscire a guadagnare, alla fine di una vita, una manciata di attimi in più“. 

I Gazebo Penguins salgono sul palco invernale del Circolo Magnolia per le ore 21.30, sotto il tendone che ospita un gran bel pubblico. In maniera pulita e senza grandi presentazioni, la band inizia subito il concerto attaccando con Nubrifragio e proseguendo con CPR14. Una dietro l’altra vengono suonate le sette tracce del disco e questo momento di presentazione viene concluso con una battuta “Questo è quanto“.

È stato magico poter ascoltare in anteprima dei brani dal vivo. Con gli occhi chiusi e il cuore aperto. Il pubblico era attento ad ascoltare con attenzione questi pezzi e a coglierne le sfumature e le particolarità.
A distanza di cinque anni, troviamo i Gazebo Penguins, che avevamo lasciato con Nebbia, dare vita ad un nuovo disco che vuole continuare a raccontare i drammi urlandosi in faccia, guardandosi negli occhi, creando una sintonia come quella che si vede sul palco tra tutti i membri della band, in particolar modo tra Capra e Sollo.

Un tuffo nel passato dei Gazebo Penguins

Dopo uno sguardo sul futuro imminente, facciamo un tuffo nel passato: ritornano i canti a squarciagola, i poghi e gli stage diving. Con Finito il caffè si apre la seconda parte del concerto. Seguono a raffica Il tram delle 6 e Nebbia, due capi saldi della bandi di Correggio, che non fanno stare fermo il pubblico per nemmeno un secondo.

Il momento forse più emozionante della serata è stato la presentazione del brano Atlantide, che hanno scelto di dedicare al Circolo Ohibò, chiuso nel 2020 e ultimo locale in cui i Gazebo Penguins avevano suonato per festeggiare i loro quindici anni di carriera. Non si può non commuoversi nel pensare che un luogo punto di riferimento della musica e dell’aggregazione giovanile nella città di Milano non ci sia più. Quello che si può fare ora è aggrapparsi ai ricordi dei momenti passati tra quelle quattro mura.

Dalla nebbia precedentemente descritta, il concerto va verso la chiusura con Nevica, prima dell’encore finale. Apro gli occhi ed è tutto vero: parafrasando Bismantova, i Gazebo Penguins accompagnano gli ascoltatori verso la fine del concerto. Cinghiale e Correggio diventano un urlo generazionale finale per cantare i quindici anni che non abbiamo vissuto, l’adolescenza passata a non mettere a fuoco la vita e a tenere lo sguardo fisso verso il basso.

Come previsto, la hit Senza di te chiude il concerto. Con applausi ed emozione, il quartetto emiliano saluta il pubblico, invitandolo a comprare il vinile, così da poter ascoltare in analogico brani che solo tra una settimana saranno disponibili per tutti.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Cute Cute
0
Cute
Lol Lol
0
Lol
Love Love
1
Love
fun fun
1
fun
NERD NERD
0
NERD
hate hate
0
hate
omg omg
0
omg

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
List
The Classic Internet Listicles
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format
Send this to a friend